Gluten Freaks Box Revolution com’è nato

1 Shares
1
0

Com’è nato Gluten Freaks Box Revolution

Un’idea folle nata in un periodo folle, potrei riassumere così Gluten Freaks Box Revolution.

Lo stesso nome Revolution mi è venuto in mente subito, quando ho realizzato ciò che avevo pensato mi è sembrata una rivoluzione.

Era Marzo il primo lockdown, per tutti.

Per la prima volta riflettevo sulla mia libertà e su quanto fosse strano averla persa.

Ho realizzato quante piccole cose davo per scontate e sono emersi subito i primi bisogni: fare la spesa senza glutine nel raggio chilometrico concesso.

Si, so che avremmo potuto allontanarci perchè è un nostro diritto, ma il mio senso civico mi ha portato ad accontentarmi di ciò che c’era.

Così tutti i prodotti che ho sempre potuto scegliere sono diventati i prodotti che trovavo.

Ho immaginato che in molte piccole città sia normale avere difficoltà nel reperire i prodotti.

Mi sono fermata un istante e ho aggiunto tutti i prodotti meravigliosi che negli anni mi è capitato di assaggiare in un luogo preciso e poi non rimangiare mai più.

Così sono nate le Gluten Freaks Box, da due bisogni elementari se vuoi.

Gluten freaks box

Storia Vera

Decidere di diventare imprenditrice avendo scoperto di essere incinta, nell’anno di una pandemia globale? Perchè no.

Fare impresa in Italia non è semplice e così durante l’estate mi sono fatta assalire dai dubbi.

Ho provato a screditare la mia idea, fino a che ho deciso che avrei combattuto, che per me aveva senso.

Gluten Freaks Box rappresenta il mio nuovo inizio e da quando so di aspettare un bambino ne sono più convinta che mai.

Se per una donna trovare un lavoro giusto e correttamente remunerato è già complesso, per una mamma è impresa vera.

Se non sei di questa idea vuol dire che la tua vita lavorativa è dannatamente fortunata, ma per tante tantissime donne è un dramma avere ciò che meritano.

Placo il mio animo femminista e torno al progetto.

Inizio a cercare i produttori artigianali di senza glutine in Italia, creo un maxi file e poi mando le prime mail.

Sintetizzo mesi di fatiche che in realtà non sono finiti, la ricerca è una parte fondamentale di questo progetto.

Scoprire e riuscire a collaborare con i produttori artigianali di senza glutine è tutto.

Giorni di silenzi e perplessità, poi le prime risposte, l’entusiasmo, le telefonate, gli accordi.

Gluten Freaks Box non è più un’idea è realtà.

Ora dovevo solo trovare le box sostenibili come le desideravo, registrare l’azienda, occuparmi della comunicazione, trovare uno spedizioniere e fare tutto nel modo più efficiente possibile.

Se non sei futura mamma ti devo dire che i primi tre mesi di gravidanza sono come un piccolo letargo.

Mi addormentavo ovunque.

Come dice la nonna però sono un Capricorno emotivo e se un Capricorno si mette in testa una cosa stai certo che ci proverà fino allo strenuo delle forze. 

Così è stato.

gluten freaks box
L’arte di nascondere la pancia

Voi

Il 14 Dicembre Gluten Freaks Revolution è online e le Box sono preordinabili.

Un’altro momento che dire emozionante è poco, ore e ore di lavoro li visibili pronte ad essere giudicate e godute.

Non si può piacere a tutti.

A solo due ore dalla messa online arriva il primo ordine e il cuore mi scoppia di gioia, scatta addirittura la danza della gioia. Grazie @Marta.

Vedere un’idea diventare realtà, prendere forma è davvero incredibile.

Certo ho paura, ne ho avuta moltissima nei giorni prima e ne ho a tutt’oggi, ci sono persone che continuano a pensare che sia folle.

Una futura mamma che fa impresa in solitaria, eppure ti dico che è possibile e che mi fa bene, anche se sono stanchissima la sera.

La cosa che più di tutte mi fa bene sono i messaggi di gioia e soddisfazione che mi avete mandato, non scontati pieni di stima e tifo.

Si, sento come il tuo tifo e te ne sono immensamente grata.

1 Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *